» Salta il menu
» Visualizzazione predefinita

 
 
Finanziamento ai cittadini per danni alluvione 2017. Rapporto con gli istituti bancari

In relazione ai numerosi quesiti e dubbi interpretativi sollevati dai cittadini in merito alla comunicazione inviata nei giorni scorsi rispetto alla concessione dei contributi a favore dei beneficiari e le modalità di finanziamento per danni da eventi calamitosi tramite gli istituti bancari (a seguito di convenzione stipulata tra la Cassa Depositi e Prestiti e l’Associazione Bancaria Italiana), si puntualizza quanto segue: il rapporto definito nelle procedure del Dipartimento di Protezione Civile non è un finanziamento inteso come il classico credito al consumo, né come operazione ipotecaria o chiroragrafaria nella quale, a fronte di un'erogazione del credito, il cliente restituisce il capitale erogato pagando un interesse pattuito ex ante (anche nella modalità di rimborso rateale mensile o trimestrale, ecc...). Nel caso del finanziamento per i fondi assegnati dalla Protezione Civile, non si ha un debito che il cliente deve rimborsare (perchè i fondi ci sono già e sono quelli messi a disposizione con deliberazione del Consiglio dei Ministri del 21 dicembre 2018). Quindi il cliente NON contrae di fatto un debito, ma è come se fosse titolare di un credito d'imposta. Qual è quindi il ruolo della banca convenzionata? Quello di creare un'operazione ponte: ovvero di rendere disponibile al cliente quella somma, ad esempio 5mila euro (che il Comune conferma mandando la PEC all'istituto di credito sottoscritta contemporaneamente dal beneficiario). Come fa la banca a creare questo castelletto di disponibilità di 5mila euro a Mario Rossi? Con le modalità standard della banca: registra il cliente, raccoglie la documentazione reddituale e fa un'istruttoria a tutti gli effetti come per un finanziamento standard. Una volta deliberata la somma, la banca è pronta per liquidare e avvisa il cliente. Il Comune invia il nulla osta a pagare ditte/fatture sempre tramite PEC, e la banca attinge dalla somma deliberata facendo partire i bonifici/pagamenti. La somma deliberata starà in piedi per tutta la durata necessaria al completamento lavori o a esaurimento soglia. E’ importante ribadire che non ci sono costi a carico dell'utente, né interessi o commissione di istruttoria anche ridotta.

Gli Uffici comunali restano comunque a disposizione per ogni chiarimento ed integrazione ai numeri 0586/980240 – 270 – 258. Invitiamo i cittadini a segnalare al Comune ogni comportamento degli Istituti Bancari che risulti difforme rispetto alla procedura oggetto di convenzione, che verrà immediatamente segnalato al Dipartimento nazionale di Protezione Civile e alle autorità bancarie.

Data di pubblicazione: 14/02/2019