» Salta il menu
» Visualizzazione predefinita

 
 
Collesalvetti avrà una nuova Casa della Salute e approvazione del fondo regionale per la lotta alla povertà. La soddisfazione del Sindaco Bacci

Dalle conferenze zonali che si sono tenute questa settimana a Livorno, sono arrivati importanti risultati per Collesalvetti. I tavoli di programmazione della "zona livornese", che riuniscono Livorno, Collesalvetti, Capraia e la ASL hanno infatti sancito la presa in carico da parte della Conferenza Zonale tutta dell'obiettivo di realizzare una seconda Casa della Salute nel Comune di Collesalvetti, dopo quella aperta a Maggio scorso a Stagno; a tal proposito, a breve la ASL illustrerà al Comune i dati dei primi mesi di attività della Casa della Salute di Stagno che - è stato anticipato - sono molto positivi.

"Abbiamo poi chiesto e ottenuto - ha detto il Sindaco - che sul progetto del Nuovo Ospedale di Livorno la firma di atti vincolanti da parte del Sindaco di Livorno sia accompagnato da un espressione formale della Conferenza Zonale nel merito delle scelte stesse, in quanto il Sindaco di Livorno non firma solo come primo cittadino del capoluogo ma anche in veste di Presidente della Conferenza Zonale che rappresenta anche le comunità di Collesalvetti e Capraia Isola. Non è un dato banale questo se si considera che né in occasione della firma dell'accordo per il nuovo Ospedale che aveva visto protagonista la precedente Amministrazione livornese, né in occasione della firma che ha sancito la chiusura dello stesso, la Conferenza zonale e quindi Collesalvetti e Capraia hanno visto alcun coinvolgimento operativo. Certo, l'assenza di un Piano Strutturale sovracomunale ci impedisce di avere un ruolo attivo nella localizzazione al momento prevista, questione sulla quale ci siamo già espressi criticamente attraverso le osservazioni al Piano Strutturale del Comune di Livorno, ma avremo finalmente riconosciuto un peso nella definizione dell'offerta che dovrà essere garantita attraverso il nuovo Ospedale".

"Allo stesso modo - ha proseguito il Sindaco Bacci - abbiamo chiesto e ottenuto che in occasione di deliberazioni che il Sindaco di Livorno dovesse assumere in sede di Conferenza Zonale di Area Vasta (nella quale partecipano solo i Sindaci presidenti delle zonali e non tutti i Sindaci) l'espressione di voto del Sindaco di Livorno sia in rappresentanza della Conferenza zonale livornese tutta e non solo di un comune su tre, previa acquisizione di un parere formale. Questo, al fine di incorrere in episodi spiacevoli come quello dello scorso 30 novembre, quando il Documento di Programmazione dell'Area Vasta è stato approvato dal presidente della Conferenza Zonale, cioè il Sindaco di Livorno, senza alcuna condivisione preventiva con i Comuni di Collesalvetti e Capraia".

Alle Conferenze Zonali erano presenti anche l'assessore Donatella Fantozzi e la responsabile dell'ufficio Antonella Rapezzi. Tra gli altri risultati conseguiti, l'approvazione della programmazione del Fondo per la lotta alla povertà e all'esclusione sociale, l'adozione del Piano per gli interventi e i servizi sociali di contrasto alla povertà ai sensi del D. Lgs. 147 del 2017 (decreto attuativo del R.E.I. "reddito di inclusione"), con 718.000 euro provenienti dalla Regione Toscana destinati al potenziamento di 4 misure specifiche (assistenza domiciliare, borse lavoro, sostegno collaborativo e educativa domiciliare) e all'istituzione in forma sperimentale del "pronto intervento sociale" e l'adesione al protocollo di intesa finalizzato alla costituzione del tavolo regionale della rete della protezione e dell'inclusione sociale (del. Giunta Regionale del 17.12.2018). "Sono risultati tutt'altro che scontati - commenta il Sindaco Bacci - perché ci consentono di avanzare sia dal punto di vista dell'offerta dei servizi che del peso specifico che spetta alla nostra Comunità in sede di decisioni che riguardano il futuro non solo di una città, ma di un intero territorio".

Data di pubblicazione: 07/02/2019