» Salta il menu
» Visualizzazione predefinita

 
 
Indicatore di tempestività dei pagamenti e ammonatare complessivo dei debiti

INDICATORE DI TEMPESTIVITA’ DEI PAGAMENTI e AMMONTARE COMPLESSIVO DEI DEBITI

A norma dell'art. 33 D.Lgs. n. 33/2013 così come integratodall'art. 41 D.L. n. 66/2014 e dell'art. 9 D.P.C.M. 22/09/2014 è di seguito pubblicato, a decorrere dall'annualità 2014, l'indicatore annuale di tempestività dei pagamenti. A decorrere dall'anno 2015 tale indicatore dovrà essere pubblicato anche con cadenza trimestrale.

La pubblicazione dell'indicatore annuale sarà effettuata entro il 31 gennaio dell'anno successivo a quello di riferimento, mentre l'indicatore trimestrale sarà pubblicato entro il trentesimo giorno dalla conclusione del trimestre cui si riferisce.

Anno Riferimento I° Trimestre II° Trimestre III° Trimestre IV° Trimestre Annuo
2014 --- --- --- --- 8,71
2015

- 1,95

(clicca per il dettaglio)

 

-0,67

(clicca per il dettaglio)

 

-1,94

(clicca per il dettaglio)

0,31

(clicca per il dettaglio)

 -0,9

(clicca per il dettaglio)

2016

0,94

(clicca per il dettaglio)

 0,88

(clicca per il dettaglio)

-2,53

(clicca per il dettaglio)

0,59

(clicca per il dettaglio)

 0,04

(clicca per il dettaglio)

2017

-0,62

(clicca per il dettaglio)

 1,37

(clicca per il dettaglio)

-5,32

(clicca per il dettaglio)

 

5,54

(clicca per il dettaglio)

 

0,32

(clicca per il dettaglio)

2018

-3,69

(clicca per il dettaglio)

 

-4,06

(clicca per il dettaglio)

     

L'indicatore di tempestività dei pagamenti è calcolato come la somma, per ciascuna fattura emessa a titolo di corrispettivo di una transazione commerciale, dei giorni effettivi intercorrenti tra la data di scadenza della fattura o richiesta equivalente di pagamento e la data di pagamento ai fornitori, moltiplicata per l'importo dovuto, rapportata alla somma degli importi pagati nel periodo di riferimento.

Se l'indicatore risulta negativo vuol dire che le fatture sono state pagate in media prima della scadenza.

Se l'indicatore risulta positivo, invece, vuol dire che le fatture sono state pagate in media dopo la scadenza.

Alla data del 31.12.2017 l'ammontare complessivo dei debiti dell'ente, inteso per tale i residui passivi , è pari ad € 3.744.740,56 ed i fornitori sono 301.