» Salta il menu
» Visualizzazione predefinita

 
 
Cittadella dello Sport: La Corte d'Appello di Firenze conferma il fallimento di Sesport
Piscina

Il Sindaco Lorenzo Bacci, a seguito della sentenza della Corte d’Appello di Firenze che conferma il fallimento della società Sesport s.r.l., peraltro già dichiarato dal Tribunale di Livorno, sta valutando di intraprendere ulteriori azioni risarcitorie nei confronti delle società collegate alla stessa e dei relativi amministratori, all’interno della vicenda della Cittadella dello Sport.

Gli avvocati di fiducia dell’Ente Giuseppe Toscano e Paolo Oliva del Foro di Pisa, rilevano come la sentenza in questione abbia accolto in toto le ragioni dell’Ente, validandone l’azione intrapresa.

La Corte d’Appello di Firenze sottolinea che Sesport non può vantare alcun diritto nei confronti del Comune: nella mole delle carte bollate con cui sta procedendo la vicenda giudiziaria intrapresa dal Comune, emerge infatti come la Sesport abbia addirittura sostenuto di aver realizzato opere per circa 6 milioni di euro, di cui solo 4 finanziati col mutuo garantito dal Comune di Collesalvetti.

Secondo la tesi di Sesport, la differenza, pari a 1,8 milioni, sarebbe stata finanziata con fondi della società stessa e questo l’avrebbe indotta a chiederne la restituzione al Comune sotto forma di risarcimento danni (Comune diventato nel frattempo proprietario degli impianti a seguito della dichiarazione di decadenza della convenzione pronunciata dall’Ente). La Corte d’Appello afferma invece che è “mera fantasia della Sesport quella di attribuire al Comune la mira di lucrare la differenza tra il costo del mutuo di circa 4 milioni di euro e il preteso valore del complesso” peraltro tutto da dimostrare, in quanto le stime ufficiali ad oggi effettuate parlano di cifre che non superano i 2,5 milioni di euro. Quanto alla pretesa di essere risarciti degli ulteriori costi legati alla risoluzione della convenzione la sentenza si esprime con altrettanta perentorietà affermando come appaia “evidente l’evanescenza della pretesa non essendo in alcun modo identificabile una responsabilità giuridicamente riferibile al Comune”.

Di fronte al risultato di questa sentenza, prima forte conferma della fondatezza delle azioni intraprese dall’Amministrazione Comunale di Collesalvetti, il Sindaco Bacci dichiara di essere fiducioso negli ulteriori sviluppi della vicenda che vedono da un lato andare avanti l’iter amministrativo della gara per l’individuazione del nuovo gestore, dall’altro la prospettiva di intraprendere ulteriori azioni risarcitorie nei confronti delle società collegate a Sesport, il tutto in un quadro nel quale si attende con estrema fiducia l’esito delle indagini della Magistratura, scaturite in seguito all’esposto presentato dall’Amministrazione Bacci poche settimane dopo l’insediamento del giugno 2009.

Data di pubblicazione: 03/10/2011